Autovelox non tarato, multa nulla - Cassazione

La Suprema Corte di Cassazione, il 6 Aprile scorso, si è pronunciata in merito alla mancata taratura degli autovelox ed ha statuito che in questi casi la sanzione amministrativa comminata, per violazione dell’art. 142, comma 9, del codice della strada (eccesso di velocità), è nulla.

È necessario, infatti, che l’apparecchiatura utilizzata per l’accertamento dell’infrazione stradale sia stata sottoposta alla verifica annuale di funzionalità e taratura.

La Suprema Corte, con questa sentenza, si è così conformata a quanto sancito dalla Corte Costituzionale (sent. Corte Cost., n. 113 del 2015). Quest’ultima, infatti, aveva dichiarato costituzionalmente illegittimo, per violazione dell’art. 3 Cost., l’art. 45, comma 6, del D.lgs. 30 Aprile 1992, n. 285 (codice della strada), nella parte in cui non prevede che tutte le apparecchiature impiegate nell’accertamento delle violazioni dei limiti di velocità siano sottoposte a verifiche periodiche di funzionalità e di taratura.

Dott.ssa Mariagrazia Broccia

Torna indietro